Foto

Piano casa Calabria

Il Piano Casa Calabria è una Legge Regionale ed è la risposta alla crisi del settore immobiliare. Se c’è una Regione in Italia che ha maggiormente usufruito del Piano Casa è proprio la Calabria.

Senza questa legge avrei dovuto rinunciare per molto tempo al piacere della progettazione, ma oltre a sostenere professionisti e imprese, ha soprattutto permesso a tante famiglie, o aspiranti tali, di costruirsi il proprio futuro attraverso possibilità che prima non avevano.

Per capirci, il Piano Casa ha trasformato terreni utilizzabili solo come giardino, o come orto, in terreni edificabili.

Se resti con me ti spiego come.
Il Piano Casa nasce dal Governo Berlusconi del 2009 per rispondere alla crisi del settore edilizio, mercato tutt’ora in forte difficoltà. Anche se di ispirazione nazionale, la legislazione “operativa” viene svolta a livello regionale. In Calabria, infatti, il Piano Casa fa capo alla L.R. n° 21 del 11 Agosto 2010.

A COSA SERVE IL PIANO CASA?
Aiutare le nostre imprese in difficoltà non è il solo obiettivo di questa legge. Le finalità principali le possiamo riassumere in 5 punti:
- SOSTENERE IL SETTORE EDILIZIO;
- MIGLIORARE LA QUALITÀ ABITATIVA;
- ADEGUARE SISMICAMENTE LE STRUTTURE;
- AGEVOLARE LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE DI EDIFICI IN AREE PERICOLOSE;
- INCENTIVARE LO SMALTIMENTO AMIANTO;

In sostanza, possiamo dire che il legislatore vuole sostenere un settore in forte crisi, come l’edilizia, privilegiando la qualità e la sostenibilità degli edifici e lo fa concedendo nuova cubatura, eventualmente da aggiungere a quella esistente.

CHI PUÒ USUFRUIRNE?
La condizione per costruire nuova cubatura con il Piano Casa Calabria è indicata nel L.R. n° 21 del 11 Agosto 2010, art 3 e cita che “il Piano Casa Calabria lo possono richiedere tutti i cittadini proprietari di edifici residenziali, di edifici con destinazione d'uso residenziale prevalente nonché di edifici in aree rurali ad uso abitativo; la prevalenza dell'uso residenziale è determinata nella misura minima del settanta per cento dell'utilizzo dell'intero edificio;

ATTENZIONE:
Il fabbricato non deve avere abusi edilizi, l’area non deve esistere su un terreno con un vincolo di inedificabilità e il Piano Casa Calabria può essere utilizzato per una solo volta, fino all’esaurimento del “bonus”.

COME FUNZIONA IL PIANO CASA CALABRIA?
Per facilitarti la comprensione ho voluto individuare 3 casi concreti, forse i più frequenti, lasciando eventuali sfumature in richieste specifiche che puoi fare qui.
Partiamo dal concetto principale: quanto posso ampliare col Piano Casa Calabria? Nell’immagine che trovi qui sotto, che è un’estratto dell’infografica cerco di schematizzare gli aspetti fondamentali.

foto
foto

CASO N° 1 – AMPLIAMENTO IN ADERENZA
Nel caso dovessimo ampliare questo fabbricato esistente (o un progetto già presentato e da costruire) il Piano Casa Veneto ci da del volume gratuito che è così suddiviso:

a) + 15% della superficie lorda per unità abitativa già esistente degli edifici residenziali previsti nell'articolo 3, comma 1, lettera a), fino ad un massimo di 200 mc di volume e di sessanta metri quadrati di superficie lorda per unità abitativa. Questo valore viene applicato per ogni unità immobiliare con un ingresso autonomo, quindi per bifamiliari, case a schiera e appartamenti disposti su due piani.

A questo valore iniziale è possibile aggiungere ad un altro…

b) + 15% per gli interventi edilizi che prevedano l’adeguamento sismico dell’intera unità strutturale;

c) +10% se utilizziamo impianti, con un minimo di 3 Kw di potenza, che utilizzano fonti rinnovabili, quindi fotovoltaico, solare termico, ma anche eolico o, in un uso più frequente nelle famiglie, le stufe o caldaie a pellet o a legna, oppure materiali edili che ti permettono di raggiungere il livello di sostenibilità ambientale normato dalla Regione Calabria con il “ Protocollo ITACA Calabria, L.R. n° 41 del 4 novembre 2011”;

Facciamo un esempio

foto

Ho una casa di 200 mq (tralasciamo il metodo di calcolo, ogni comune ha il suo):
Posso ampliare di 30 mq (15% di 200 – punto a)
Aggiungerne altri 30 mq (punto b) + 20 mq (punto c)
Totale 80 mq di ampliamento!

CASO N° 2 – AMPLIAMENTO PER SOPRAELEVAZIONE
Molte sono le richieste di una progettazione con Piano Casa Calabria, per l’ampliamento in sopraelevazione.
Nello specifico, molte coperture di diversi fabbricati sparsi per la regione Calabria, sono costituiti da lastre di eternit (amianto), materiale ormai riconosciuto come cancerogeno!
Le richieste riguardano quindi una progettazione per eliminare la copertura ed, usufruendo del Piano Casa Calabria, si decide di sfruttare l’occasione e creare una favolosa mansarda!

Il calcolo della superficie e i vari parametri, sono uguali al classico ampliamento in aderenza.

LA NUOVA COPERTURA DEVE ESSERE PER FORZA ABITABILE?
No, il Piano Casa Calabria ti permette di realizzare un piano sopraelevato sia abitabile che non abitabile. Mi spiego meglio:
Hai la possibilità di creare un vero e proprio piano abitabile, quindi lo useresti principalmente come una zona notte o un’ampia cucina.
Oppure puoi sfruttarla come mansarda non abitabile, tipo una lavanderia o un deposito.

Il Piano Casa Calabria offre molte possibilità di edificazione, il fattore principale è agire ora!

CASO N° 3 – DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE
Se possiedo un fabbricato esistente, magari fatiscente, non solo posso demolirlo e ricostruirlo, ma posso anche aumentare la sua volumetria del 30%!.
Puoi, quindi, ricostruire il tuo fabbricato con oltre il 40% di bonus! Ma ora vediamo un classico esempio:

foto
foto

Non voglio entrare nell’aspetto tecnico del calcolo, altrimenti ti viene il mal di testa, ma, come avrai capito, le possibilità sono veramente infinite.

La cosa straordinaria è che gli interventi di ristrutturazione e di demolizione e ricostruzione (Vedi FAQ n° 40 dell’ENEA), sono detraibili fino ad un certo importo. Ecco che al risparmio si sommano anche ulteriori vantaggi fiscali.

Se non rientri nei 2 casi di esempio che ho sviluppato, il Piano Casa offre tantissimi vantaggi anche per chi abita in una casa a schiera o in un condominio.
Ecco che le possibilità di rientrare in questa categoria sono molto ampie…

ALTRI BONUS
Oltre a nuovo volume, il Piano Casa Calabria ci regala dei “ Bonus” da applicare alla prima casa, che incidono sensibilmente sulle nostre tasche.

1 – Non si pagano costi di costruzione al Comune (oneri di urbanizzazione), eccetto i diritti di segreteria;
2 – Si possono derogare le distanze dai confini (anche se lo sconsiglio, perché se limita il diritto di costruire del confinante potresti passare dei guai);
3 – Si può usufruire della legge Piano Casa Calabria anche per unità abitative poste nel condominio oppure case unifamiliari.
Niente male davvero…

ATTENZIONE
Il Piano Casa Calabria scade il 31 dicembre 2018, quindi hai tutto il tempo per presentare un progetto entro quella data, salvo proroghe, ovviamente.

Mi rendo conto che abbiamo parlato di parecchi numeri. Se la cosa non ti è stata chiara, compila il form che trovi qui sotto per contattarmi e capire come possiamo analizzare il tuo caso specifico.

AIUTARTI AD REALIZZARE IL SOGNO DI AVERE LA CASA CHE DESIDERI PER ME SARÀ UN VERO PIACERE.

tags